< LE STORIE DEI COMUNI

Massa d'albe - la storia

Massa d'Albe si colloca ai piedi del Monte Velino
Il paese nasce nel XIV secolo ,dopo essere stato saccheggiato
venne abbandonato dai romani.
Sorgeva ai bordi del lago del fucino.
La sua vera collocazione era diversa dall'attuale, infatti, sorgeva dove oggi sono stati ritrovati i resti archeologici della antica ed importante citta' di Alba Fucens (resti ben conservati e visitabili).
Antica citta' degli Equi posta sulla via Valeria, attraverso cui giunsero in Abruzzo migliaia di schiavi e di legionari, utilizzati nei lavori di prosciugamento del lago del Fucino. .Attraverso la via Valeria Roma arrivo' in Abruzzo tra le indomite popolazioni italiche.
Suggestivo territorio dove una volta fioriva la bella citta' di Alba Fucens.
Il monte Velino massiccio e superbo e' posto a custodire gli indomiti resti di Alba Fucens, il piu' avanzato baluardo della potenza romana tra le montagne dei Marsi e degli Equi.
Nel rumore del vento ancora si puo' immaginare di legioni in marcia, di sovrani condotti in catene, di consoli e imperatori romani ,di liberi e di schiavi e di cruenti spettacoli gladiatori.
Tutto cio' nel conservato anfiteatro visibile e centro di spettacoli culturali
ad Alba Fucens.
Numerosi i reperti :Ercole ,la Venere,
Gli scavi archeologici di Alba Fucens , hanno evidenziato nei tempi e tutt'oggi la bellezza e la forza dei luoghi, simboli per Roma antica 
di autentica espressione della storia del popolo marso.
La salubrita' dei luoghi insieme all'incantevole paesaggio ne hanno fatto e ne fanno meta preferita di studiosi e di turisti .
L'odierna cittadina di Massa d'Albe originariamente divisa in due parti. Massa Superiore e Massa Inferiore, Ť stata ricostruita. dopo il terremoto del 1915 e dopo il disastro del bombardamento che nel 1944 causÚ 240 morti.
Presenti alcune chiese meritevoli di essere visitate: la Madonna di Ripoli ,
l'Immacolata e la Madonna del Fulmine (nella frazione di CORONA).

Inizio pagina ^